News e eventi

Alla guida con il telefonino? Patente sospesa!

Entro l'estate è prevista l'attivazione della norma che prevede il ritiro del documento da uno a tre mesi

Entrerà in vigore entro l’estate la legge per punire la cattiva abitudine di utilizzare il cellulare per telefonare o mandare messaggi durante la guida. La norma prevede la sospensione della patente da uno a tre mesi per chi viene sorpreso al volante con in mano un dispositivo mobile.

Chiunque digiti sul telefonino o parli senza l’uso di auricolare o bluetooth nel veicolo può finire dunque in guai seri: a oggi la pena è confermata solo per i recidivi, ossia per chi commette la stessa infrazione entro due anni dalla prima volta. Se la normativa dovesse passare così com’è, ci sarà dunque la sospensione della patente de facto: gli agenti che colgono in fragrante l’automobilista potranno ritirare direttamente la patente, mentre il prefetto deciderà il periodo della sospensione (comunque da uno a tre mesi). Inoltre non è previsto neanche lo sconto del 30% sulla multa se pagata entro cinque giorni, perché tale possibilità è legata alle contravvenzioni che non impongono la requisizione della patente).

L’uso del telefono alla guida è purtroppo oramai una prassi per molte persone, anche se il Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) ha diffuso i dati che mostrano dove il 27% degli incidenti automobilisti sono stati causati dall’uso del telefono cellulare mentre si guida.

Back to top